La Perdita Di Un Fratello o Una sorella: Come Si Puo’ Affrontare…

La perdita di un proprio caro, come la sorella o un fratello logicamente non si puo’ mai accettare. Un distacco molto forte da far scoppiare il cuore..io sono del parere che non ci sia metodo, medicina ma solo purtroppo volonta’ di mettercela tutta e far si che ogni cosa di loro vive dentro di noi, anche se questa e’ una grande ferita che non risanera’ mai.. Questo articolo spiega come poter alleviare questo immenso dolore.
 
CONSIGILI
 
Non avere paura di piangere.
Sappi che non “supererai” mai la perdita del tuo caro, poiché il suo ricordo sarà sempre vivo e sarai sempre triste per averlo perso. Tuttavia, col tempo, troverai il modo giusto per continuare a ricordare, ma anche per andare avanti. Passerai di nuovo dei momenti felici.
Parla con la persona che hai perso, come se fosse accanto a te nella stanza. Raccontagli come stai e cosa provi per la sua morte. È un modo per comunicare tutto quello che non hai avuto la possibilità di dirgli prima che morisse.
La gente vuole aiutarti, quindi chiedi sempre aiuto, se ne hai bisogno.
Ci sono molti siti che offrono consigli e sostegno. Possono essere siti di cordoglio generale, oppure siti specifici per il sostegno a fratelli di defunti, o perfino specifici sulla causa del decesso della persona cara.
Non eccedere con i ricordi. Nei primi due giorni hai bisogno di restare da solo, senza ricordi. In seguito, quando inizi a sentire la sua mancanza, tira fuori gli album delle vecchie foto che non hai mia guardato e sfogliali.
Cerca di andare avanti con la tua vita. Non c’è da dire molto a proposito di questo punto: è semplice e si commenta da sé. Devi smetterla di nasconderti nell’ombra del dolore. Mostra al mondo intero che sei in grado di gestire un lutto!
 
1
Accetta che non c’è un modo “giusto” o “sbagliato” per affrontarla. Potresti restare impietrito e incredulo per un po’. Potresti volerti sentire più triste, oppure non esserti mai sentito peggio. Forse vorresti urlare e disperarti. O chiuderti da solo in una stanza. Tutte queste sono sensazioni normali e va bene sentirsi in questo modo. Non fare pressione su te stesso per sentirti in un determinato modo.
 
2
Continua a parlare il più possibile di come ti senti. Non è sempre facile esprimersi a parole, ma cerca di spiegare alle persone attorno a te cosa provi. Gli amici intimi e i familiari vorranno aiutarti, ma non sempre sapranno come, per cui dire loro come ti senti e come vuoi che si comportino li aiuterà a capire come esserti di aiuto.
 
3
Sii consapevole che ti serve del tempo da passare da solo. Mentre è positivo continuare a sfogarsi con gli altri, potresti avere bisogno di un po’ di tempo da passare da solo per elaborare i tuoi pensieri e il tuo dolore. Potresti scoprire che andare in un determinato posto ti aiuta a concentrarti sui tuoi pensieri – potrebbe essere il posto speciale di tuo fratello, un luogo di riposo, un parco tranquillo o perfino la tua stanza. Potresti anche scoprire che mettere per iscritto i tuoi pensieri e le tue emozioni ti aiuta a chiarirti meglio le idee.
 
4
Metti insieme dei ricordi o degli oggetti in memoria di tuo fratello o di tua sorella. Ciò potrebbe includere la partecipazione all’organizzazione del funerale, alla scelta dei canti o delle letture. Potresti avere voglia di leggere qualcosa. Potresti anche non sentirti di contribuire alla cerimonia e soltanto in un secondo momento iniziare a raccogliere i ricordi, senza che sia troppo doloroso. Ci sono molti oggetti da poter realizzare per mantenere viva la memoria: scrapbook, scatole, album fotografici, poesie, colonne sonore… Quanto più saranno personalizzati, tanto più ti saranno utili quando avrai voglia di trascorrere del tempo ricordando tuo fratello e i bei momenti passati insieme. Potresti anche dedicare del tempo a progetti con altri familiari che vogliono aiutarti – questi progetti possono anche non avere nessuna correlazione con tuo fratello o tua sorella, ma possono comunque darti la possibilità di concentrarti su qualcos’altro.
 
5
Ricordati che non sei l’unico a essere angosciato. Altri fratelli, i tuoi genitori, cugini, nonni, amici, zie e zii saranno toccati dalla morte di tuo fratello o di tua sorella in maniera differente. Ricordatene e tratta i loro desideri e le loro emozioni con lo stesso rispetto con cui vuoi che siano trattati i tuoi. Molto spesso ti potrebbero chiedere come stanno i tuoi genitori e ciò potrebbe essere doloroso e irriverente, se sembrerà che la gente ignori i tuoi sentimenti a vantaggio di quelli dei tuoi genitori. Queste persone cercano soltanto di essere di aiuto e potrebbero sentirsi a disagio nel chiederti direttamente come ti senti. Ma ricordati sempre che le tue emozioni e il tuo modo di affrontare il dolore hanno la stessa valenza di quelli di chiunque altro.
 
6
Intraprendi un percorso con un terapista. Si tratta di un problema difficile da affrontare e non bisogna vergognarsi nel chiedere aiuto. Molte persone trovano conforto nel parlare con gente al di fuori del nucleo familiare. Dagli incontri di gruppo alle sedute individuali, alle linee amiche e ai forum, ci sono moltissimi posti a cui puoi rivolgerti se ne senti la necessità. Il tuo medico potrà indicarti la soluzione migliore.
 
7
Chiedi esplicitamente di non essere commiserato. Occhiate compassionevoli di tanto in tanto vanno bene, ma la maggior parte della gente che ha attraversato una tale esperienza traumatizzante non apprezza la pietà, al contrario di quanto, erroneamente, si tende a pensare. Se lo chiarisci sin dal primo momento la gente eviterà di fare qualcosa che non gradiresti.
 
8
Quando parli con qualcuno, non ti comportare in modo strano e non tirare fuori l’argomento. Questi atteggiamenti sfocerebbero nella pietà, che è qualcosa che tu non vuoi assolutamente.
 
9
Se qualcuno ti regala un oggetto che apparteneva al tuo congiunto, conservalo. Non gettarlo e non liberartene in altri modi. In seguito, quando il dolore si sarà attutito, smanierai dal desiderio di avere dei ricordi, e un dono che ti riporti alla memoria il tuo caro sarà fantastico.
Fonte wikihow
Vota questo articolo